Gadget aziendale: quest’anno faccio il calendario!

Il calendario personalizzato è considerato un ottimo GADGET AZIENDALE da regalare ai propri clienti verso la fine dell’anno.

I calendari da tavolo o da muro personalizzati sono il mezzo ideale per realizzare una valida comunicazione direttamente dalla scrivania dei vostri clienti.
Grazie ai vari formati, che permettono di realizzare al meglio il messaggio pubblicitario, farete compagnia ai vostri clienti per tutto l’anno e questo è sicuramente un successo assicurato per la vostra azienda e per la vostra attività.

E’ possibile scegliere tra varie tipologie come calendari da tavolo, olandesi, illustrati, a spirale, silhouette ecc. E naturalmente l’immancabile agenda che piace anche ai più tecnologici!

Potrete stampare il logo o il brand della vostra azienda direttamente sul calendario oppure una fotografia che sia significativa per la vostra attività. In questo modo potrete creare un calendario perfetto per i vostri clienti che sia in grado di abbellire le pareti delle loro abitazioni e che sia in grado al contempo di ricordare sempre la vostra presenza.

Le tipologie e i formati disponibili sono davvero tanti:

– CALENDARI ILLUSTRATI

– CALENDARI OLANDESI

– CALENDARI SILHOUETTE

– CALENDARI DA TAVOLO

– PLANNING

– AGENDE

Seguendo un po’ il trend del momento, il CALENDARIO DA TAVOLO è una pratica ed elegante alternativa a quello da parete. Perfetto per i vostri clienti più importanti ed eccellente anche per i vostri dipendenti: sarà anche un modo per promuovere lo spirito di squadra e per premiare il lavoro ben svolto durante l’anno.

Il calendario da tavolo è composto da dodici pagine, una per ogni mese dell’anno, sulle quali è possibile stampare dodici fotografie differenti accompagnate da testi, frasi famose o loghi. Un regalo perfetto da posizionare direttamente sulla scrivania dell’ufficio o dello studio, ma anche a casa.

 

Contattaci per maggiori informazioni
Calendari personalizzati 2019

Posted on 14 settembre 2018 in Attualità, Branding

Share the Story

Back to Top